RIGID TEST

Section Heading

http://www.androline.com/wp-content/uploads/2016/02/new-fondino3-1-870x15.jpg

L'UTILIZZO DI QUESTO PRODOTTO È CONSIGLIATO PER

E’ uno speciale dinamometro per la misurazione della rigidità peniena e per il calcolo dei dosaggi dei farmaci vasoattivi nella disfunzione erettile. E’ uno strumento di nuova concezione in grado di diagnosticare in maniera immediata l’eventuale incurvamento del pene e la relativa pressione assiale; permette di valutare una risposta dovuta non solo da una tumescenza temporanea del pene, ma da un’erezione completa sufficientemente prolungata per sostenere il rapporto sessuale.
La semplicità d’uso, l’immediata risposta, lo rende prezioso e indispensabile al corredo del medico andrologo.
Il Rigid Test si utilizza:

  • nel dosaggio di farmaci vasoattivi.
  • nella cavernosometria: la valutazione della pressione soglia di
    piegamento della rigidometria assiale (theroshold Buckling pressure).

Durata del trattamento: valutata dallo specialista.

Test di Buckling

Disfunzione erettile.
Determinazione dalle dosi terapeutiche dei farmaci vasoattivi con metodo di Buckling.
Ai fini della sicurezza e dell’efficacia del farmaco, il prof. Goldstein e colleghi hanno adottato il test di Buckling sul pene per valutare la risposta erettile:
in questo studio ambulatoriale multicentrico prospettico, in seguito a dosi iniziali di 5 o10 mcg di PGE 1 il test di Buckling viene definito positivo quando, applicando una forza di carico assiale di 1,0 kg, non si provoca l’incurvamento del pene.
I test vengono effettuati ad intervalli di 10 minuti fino ad un massimo di 60 minuti dopo l’iniezione.
Nella maggior parte dei pazienti si è ottenuta una risposta significativa con almeno uno e quasi nel 60% dei casi con almeno 3 tests di Buckling positivi.
Questi dati sono correlati ad un’erezione completa della durata di almeno 20 minuti.
La validità del test di Buckling  è sostenuta dalla stretta correlazione tra le misurazioni con Rigid Test e la valutazione del medico.
In una seconda valutazione PPDU effettuata nello stesso gruppo è stata dimostrata la qualità dell’erezione mediante test di Buckling ripetuto con carichi assiali di 1 kg ad intervalli di 10 minuti fino a 30 minuti.
E’ solo questo metodo di valutazione standardizzato e rigoroso che permette di valutare una risposta dovuta non solo da una tumescenza temporanea del pene, ma da un’erezione completa sufficientemente prolungata per sostenere il rapporto sessuale.

Esempio figurativo del test di Buckling

Buckling

Test di rigidità peninea (esempio)

Buckling1
Risultato 100%

Dati ottenibili con il test di Buckling:
dosaggio dei farmaci vasoattivi
- tempo di reazione;
- qualità della rigidità;
- durata della rigidità.

Section Heading